Venezia

Il 25 Aprile regalami un boccolo

wpid-photoeditor_1396518835805.jpgChe i veneziani siano  dei dongiovanni è abbastanza noto, la fama di Casanova un po’ ci precede, ma sappiamo essere altrettanto romantici, ecco perché oggi vi parlo di una festa che adoro: la Festa del Boccolo (Bocolo) del 25 Aprile.

Oltre ad essere la festa del patrono di Venezia, San Marco, il 25 Aprile è il giorno in cui i giovani innamorati veneziani usano regalare un bocciolo di rosa alla propria “morosa”. Altro che San Valentino!

La leggenda che si nasconde dietro a questa tradizione, affonda le sue radici nel lontano ‘800.

Protagonisti della storia la bella Maria Patecipazio, figlia del futuro Doge Angelo Partecipazio, innamorata di Tancredi, giovane trovatore bello e valoroso, ma di basso rango.

Il loro amore era ostacolato da impedimenti sociali, e la bella Maria propose a Tancredi di andare a combattere gli arabi, per potersi guadagnare la gloria di combattete che avrebbe permesso il matrimonio tra i due amanti.

Tancredi per amore partì ma, sfortuna vuole che non tornò più a Venezia. Il nostro bel trovatore infatti, morì in battaglia, adagiandosi su un rovereto, e prima di morire riuscì a cogliere un fiore, tinto di rosso dal suo sangue, che diede a Orlando, compagno di ventura, di portarlo in patria e donarlo a Maria.

La gloria di Tancredi precedette la notizia della sua morte, a Venezia, tanto che una volta ricevuto il boccolo da Orlando, Maria si rinchiuse nel suo dolore. Il 25 Aprile, il giorno dopo, fu trovata morta con il boccolo di rosa sul petto.

Non sono una ragazza che ama particolarmente i fiori ma, se volete farmi felice, il 25 Aprile regalatemi “il bocolo”

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.