future-travel
Informazioni per chi viaggia

“Future of Travel”: cosa dobbiamo aspettarci dal futuro?

Vi siete mai chiesti come saranno i nostri viaggi in futuro? Se viaggeremo ancora come facciamo ora, se l’idea del viaggiare sarà la stessa, quali tecnologie avremo a disposizione – e non sto parlando solamente di app per viaggiare -, se faremo ancora a botte con il bagaglio a mano per farlo entrare nell’espositore e se in aereo avremo ancora le ginocchia del passeggero numero 6 piantate sulla nostra schiena… e se la risposta a tutto questo fosse no?

future-travel

Quando sono andata in America per la prima volta, nel lontano 2006, all’aeroporto di Tampa avevo visto dei banchi check-in senza gli addetti dietro, una macchina stampava le etichette per mandare il tuo bagaglio, sano e salvo, a destinazione e tu, da solo, dovevi attaccarle alla valigia e poi ritirare le carte d’imbarco. In Italia non esisteva ancora nulla del genere e se non ci fosse stato mio zio ad aiutarmi, probabilmente sarei rimasta un’ora lì ferma a pensare come andava messa quell’etichetta e il mio bagaglio sarebbe arrivato ovunque, meno che a Venezia.

Purtroppo il mio futuro da addetta check-in arrivò dopo, tra l’altro, con la consapevolezza che un giorno sarei stata sostituita da una macchina come quella. Confortante.

Pazzesco come la tecnologia influenzi e cambi così tanto il nostro modo di viaggiare, peccato che ancora non esista qualcosa che mantenga i passeggeri seduti prima dell’apertura dei portelloni dell’aereo, una volta toccato terra, quella sarebbe davvero una grande invenzione, ma diciamo che per ora possiamo accontentarci della connessione wifi in volo, cosa che, onestamente, devo ancora capire se mi piace oppure no.

Se pochi anni fa giocavamo a snake con il nostro Nokia 33qualcosa, adesso non ci sarebbe da stupirsi se nel giro di poco tempo un robot ci portasse il servizio in camera in albergo… non ci credete? Eppure è una delle notizie di cui Expedia parlerà nel suo nuovo speciale “Future of Travel” nel suo magazine Discover, di cui ho il piacere di parlare oggi, in anteprima.

scie-aerei

Expedia lancerà questa nuova sezione del magazine dedicata al futuro del viaggio, a cui ho potuto dare una sbirciatina veloce, venerdì 8 Aprile e si parlerà di come cambieranno gli aeromobili, sia per quanto riguarda la loro propria conformazione, sia il loro “carburante”, diciamo che in futuro probabilmente rinunceremo al romantico gioco che facevamo da piccoli, quando con il naso all’insù urlavamo “qualcuno mi ama”, non appena si scorgeva la scia bianca di un aereo dividere il cielo azzurro, ma non solo, perchè l’evoluzione tecnologica cambierà anche il concetto di biglietto e di prenotazione… interessante no?

In attesa di leggere su Discover le novità che ci riserva “Future of Travel” e anche sulle mie piattaforme social, ho io una domanda da farvi: che cosa vi piacerebbe che cambiasse o che si inventasse nel mondo dei viaggi?

Credo che una valigia alla Mary Poppins potrebbe essere qualcosa su cui lavorare, ma son curiosa di sentire le vostre idee!

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.