Riflessioni

Quando le persone sanno dare significato al tuo viaggio

quando le Non faccio abitualmente uso di oppio, questo ve lo posso assicurare.
Vero è, invece, che invidio decisamente tanto la creatività di un Coleridge, un Kerouac oppure un Baudelaire, giusto per fare qualche esempio, ma di certo non mi lamento, suvvia.

Questo post nasce da un’osservazione, da una constatazione nata a tavolino, scrivendo per lavoro e perdendomi in pensieri poco pertinenti, ma eccolo qua, perché le persone fanno la differenza.

Ditemi quello che volete, che la mia è una sviolinata al vento, che sono cose dette e ridette, ma posso dirvi? Liberissimi di interrompere la lettura del post e andarvene altrove, io oggi parlo di persone , persone che sanno dare significato al tuo viaggio con una sola frase o stretta di mano, parlo di incontri.

Ricordo a Barcellona, il mio secondo viaggio, quando il commesso del supermercato dove ero solita andare, vedendomi senza contanti, ha deciso di accettare la postepay anche se non avrebbe potuto per la mancanza del nome stampato. Ricordo a New York l’italiano incontrato per caso dentro una tavola calda per lavoratori che mi ha raccontato la sua vita, ma come non citare a Lisbona la signora che in autobus mi ha insegnato quel poco che so di portoghese.

A Auckland il proprietario del bar dove andavo tutte le mattine che, irrimediabilmente, mi chiedeva sempre come stavo. La grossissima signora (fidati era veramente enorme) samoana che mi ha custodito le valige per delle ore, dimostrandomi che la fiducia nell’altro esiste, e sempre alle Samoa i bambini che mi hanno insegnato qualche parola nella loro lingua.

C’è chi mi ha ceduto il posto in autobus un po’ dappertutto, chi mi ha chiesto se volevo una mano vedendomi con lo sguardo perso davanti a una cartina o davanti all’estrata della metro. La donna delle pulizie dell’appartamento a Gran Canaria che mi ha suggerito dove andare a mangiare quella sera, dicendomi che lei ci andava sempre con sua figlia.

Ti senti un po’ cittadina del mondo, ti senti a casa un po’ ovunque quando viaggi spesso o, semplicemente, quando ami conoscere persone di culture diverse e apprezzarne le caratteristiche. Ti senti tanto piccola davanti a tanta varietà di culture, tanto mediocre, ma anche tanto entusiasta. Le persone sanno dare significato al tuo viaggio anche con un solo sorriso, con una parola detta al momento giusto, sporgendoti il biglietto dell’autobus quando ti sei dimenticato di farlo, quando cucinano per te.

Le persone danno significato, non solo al viaggio di per sé, ma all’intera esperienza che stai vivendo, lasciando inesorabilmente un pezzo di loro stessi nel tuo bagaglio a mano.

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.