Riflessioni

Una vita senza viaggiare è una vita sprecata

viaggiIeri sera tornado a casa guardavo fuori dal finestrino dell’auto e pensavo..
Pensavo a tante cose a dire il vero, ma dopo aver passato il pomeriggio a guardare vecchie foto di viaggi avevo un chiodo fisso: cosa ci faccio io ancora qui?
Mi capita spesso di trovarmi ad analizzare la mia vita e inevitabilmente mi ritrovo a chiedermi un miliardo di “e se…”, ma come voi ben sapete la vita non si fa nè con i “se” nè con i “ma”.
Ci sono giorni in cui mi sento veramente in gabbia, sento la mia città piccola, le persone che mi circondano troppo diverse da me, o forse sono io quella diversa, quella che, prima di pensare ad avere una famiglia, sogna di girare il mondo…non penso ci sia un giusto o sbagliato in tutto ciò, ma solo scelte di vita diverse.
Alcune volte, quando ho il tempo di poterlo fare, parlo con i miei passeggeri, l’altro giorno un brasiliano mi ha lodato la sua terra, invitandomi ad andarla a vedere, lo stesso un americano, di Kansas City, mi ha detto “vieni a trovarci un giorno”, e io sogno di poterlo fare.
Amo vivere la mia vita sperimentando posti e culture diverse, adoro potermi arricchire con i saperi tramandati da tradizioni vecchie di secoli, mi piace poter parlare la lingua del posto, o per lo meno sforzarmi di dire qualche frase di senso compiuto, perchè ogni lingua ha la sua peculiarità, per quanto l’italiano sia una lingua ricchissima di vocaboli, ci sono parole che in alcune culture non puoi esprimere appieno se non usando la parola originale, e questa è una cosa che mi ha sempre affascinato. 
Siviglia, Gran Canaria, Boston, Philadelphia, Miami, Sdyney, Auckland, Apia, sono tutte città in cui sono stata e che mi hanno regalato qualcosa. Viaggiare ti modella, di aiuta a crescere e ad aprire la mente. 
Non c’è giorno in cui non apra una pagina internet in cerca di un volo per “ovunque”..un giorno vorrei andare ad Amsterdarm , il giorno dopo ad Atene, e il giorno dopo ancora in Messico..sono talmente tanti i luoghi da visitare che non bisognerebbe fermarsi mai per poter visitare tutto il mondo. Credo sia stato Charlie Chaplin a dire “una vita senza ridere è una vita sprecata” , nulla togliere alla verità di questa frase, ma io aggiungo “una vita senza viaggiare, e una vita sprecata”!
C’è chi è ama lavorare in ufficio, c’è chi per lavoro si lancia col paracadute e ne ha fatto la sua filosofia di vita , c’è chi insegue le sue passioni sportive e riesce a farle diventare un lavoro…io amo viaggiare, cosa devo fare per far diventare la mia passione un lavoro?

suggerimenti?


Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.