Venezia è di chi la sa guardare
Europa,  Italia,  Venezia

Venezia è di chi la sa guardare

Venezia è un’anima fragile, una donna bella fin dal risveglio, una nonna che racconta un milione di storie nel suo silenzio, che ricorda la sua ricca e lussuriosa giovinezza, mentre si guarda allo specchio e vede un volto rovinato dai segni del tempo, calpestato dall’ignoranza e ormai sbiadito dai flash di milioni di macchine fotografiche.

Venezia è di chi la sa guardareVenezia è di chi la sa guardare, non solo dei veneziani, ma di tutti coloro che riescono a capirne la più profonda e delicata anima.

Sì, è vero, Venezia la ritroviamo sotto forma di donna alla Basilica di Santa Maria della Salute, mentre prega la Madonna di scacciare la peste, la vediamo promessa in sposa al mare ogni anno, la riconosciamo in quel meraviglioso leone alato che appare in ogni sua ex colonia, ma ciò non toglie che Venezia è di chi la sa guardare e non di chi rimane in superficie.

Non c’è angolo di Venezia che non riesca a stupirmi dopo tutti questi anni, il segreto per riuscire ad apprezzarla è il sapersi e il lasciarsi sorprendere dai suoi particolari, che possono essere uno stemma sopra una porta, un simbolo su una colonna, una storia legata ad un palazzo o ad un personaggi come Casanova.

PER APPROFONDIRE: Itinerario a piedi a Venezia sulle orme di Casanova e Cosa vedere a Venezia di particolare

Venezia è di chi la sa guardareIl bello di Venezia è che, nonostante la si stia lasciando morire, ma questo argomento l’ho già affrontato in questo articolo, si rialza sempre, anche se gli anni passano e le gambe le fanno male, ancora riesce a piacere, ancora riesce ad essere la città più bella del mondo o, per lo meno, lo è per me, ma forse perché ho imparato a guardarla.

Venezia è di chi la sa guardare e un po’, magari arrogantemente, io la sento un po’ mia.

Ogni mattone ne ha viste tante, ogni trifora è probabilmente stata il conforto di anime di donne in preda ai tormenti d’amore più spietati, come quelli di Giustiniana Wynne per il suo Andrea. I muri delle case sono stati testimoni delle più estreme lussurie, d’altronde, Venezia era la città del libertinaggio per eccellenza, ma anche di congiure, di accordi politici e commerciali e di omicidi.

Venezia è un labirinto di avvenimenti, oltre che un groviglio di calli e fondamente, di ponti e sottoportici che rivelano corti nascoste e giardini meravigliosi.

Venezia è di chi la sa guardareVenezia dal pelo dell’acqua e Venezia attraverso un itinerario a piedi sono due mondi che, se scissi, tolgono un pezzetto alla sua vera identità.

Venezia è un’amante silenziosa che, di soppiatto, vi entra nel letto, vi fa sognare e poi se ne va, senza dire una parola e in punta di piedi, ma se la saprete guardare, vi lascerà dentro qualcosa che nessun’altra città può: la libertà.

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.