sopravvivere ad un viaggio on the road
Viaggiare in coppia

Viaggiare in coppia: come sopravvivere ad un viaggio on the road

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Partiamo subito col dire che fare un viaggio on the road in coppia non è da sfigati, anzi.

Sfatiamo subito il mito che l’on the road è meglio farlo da soli o in compagnia degli amici, queste sono leggende metropolitane messe in giro da persone che evidentemente non hanno mai provato a viaggiare in coppia.

sopravvivere ad un viaggio on the roadCerto viaggiare da soli ha i suoi vantaggi, come anche viaggiare con gli amici, ma allo stesso modo anche viaggiare in coppia ha il suo perchè, quindi, sconsiglio di escluderlo a priori.

Prima di arrivare a parlare di come sopravvivere ad un viaggio on the road in compagnia della propria dolce metà, ricordatevi che i 5 step da seguire per organizzare un viaggio di questo tipo non variano a seconda del vostro compagno di viaggio e tanto meno le cose da sapere prima di intraprenderlo.

Ma veniamo al dunque, come evitare di scannarsi durante un viaggio on the road di coppia?

1. TROVARE SEMPRE UN COMPROMESSO

Se a casa andate d’amore e d’accordo, non aspettatevi che accada lo stesso durante un viaggio on the road. Non ve la sto portando nera, vi sto solo sottolineando il fatto che decidere di fare un viaggio in auto, con delle tappe, una tabella di marcia da rispettare, un budget da tenere sotto controllo e il rischio che il veicolo faccia i capricci o il tempo non sia dei migliori, non è certo lo stesso che andare a farsi una vacanza di una settimana alle isole Fiji.

Viaggiare in coppia significa condividere scelte, tempistiche, momenti esilaranti, momenti di estrema felicità e momenti di sconforto, perché sfido chiunque a non avere un esaurimento nervoso dopo aver cercato parcheggio a Granada, cercando la soluzione più economica.

momenti di sconforto in un viaggio on the road

Il trucco è, quindi, trovare un punto d’accordo, su qualsiasi fronte, che sia decidere chi guida e per quanti chilometri o dove fermarsi a pranzo durante il tragitto.

2. ESSERE PAZIENTI

Questo punto è complementare al precedente. La pazienza è la virtù dei forti, anche se a volte ci sembra solo una grossa presa per il culo. L’arrabbiatura può venire a tutti per i motivi più futili, specie se si è in macchina da 4 ore e non si è ancora trovato un posto dove fermarsi per fare pipì. Può succedere.

Può anche succedere di trovare traffico, di bucare una ruota, di dover saltare una tappa per la mancanza di tempo, di viaggiare con 40 gradi fuori senza aria condizionata, di vedere accendersi una spia e di non essere in grado di leggere il libretto dell’auto perché scritto in una lingua che non capite, in questi casi è essenziale che uno dei due mantenga la calma e sia in grado di tranquillizzare e rassicurare l’altro. Viaggiare in coppia significa sostenersi, soprattutto durante un viaggio così.

3. BILANCIARE I RUOLI

Altra cosa importante per sopravvivere ad un viaggio on the road è saper bilanciare i ruoli e non sto parlando solamente di scambiarsi alla guida. Sicuramente uno di voi due è più razionale dell’altro, uno più pratico dell’altro etc, cercate di amministrare bene le vostre caratteristiche.

Se in alcuni momenti del viaggio avviene uno scambio di ruoli, in altri casi è bene che questi siano ben consolidati. Vi faccio un esempio pratico: io tengo sempre nota di ciò che spendo in viaggio per restare all’interno di un budget fissato in precedenza, ma se al mio fianco non avessi una persona più morbida con il portafogli, è probabile che rinuncerei a più di quanto effettivamente dovrei. Al contrario, se io non fossi così meticolosa, il budget a disposizione si esaurirebbe nel giro di pochi giorni.

PER APPROFONDIRE: Come organizzare un viaggio low cost: consigli pratici

4. RICORDARSI CHE SI È IN VACANZA

Il viaggio on the road è un tipo di viaggio che consiglio sempre.

Si ha la possibilità di vedere luoghi che altrimenti non si vedrebbero, di vedere più cose in meno tempo, ma è anche molto stancante, proprio a livello fisico.

chiuso per on the road

Il mio consiglio è quello di non correre, di non avere una tabella di marcia troppo serrata, di dare il giusto tempo alle cose e soprattutto di ritagliarsi qualche momento di relax che non preveda visite ai musei, utilizzo dei social network e itinerari a piedi troppo lunghi, ma che vi ricordi che dopo tutto siete in vacanza e in vacanza è vietato arrabbiarsi!

PER APPROFONDIRE: non lasciamo che i social rovinino i nostri viaggi

Avete mai fatto un viaggio on the road in coppia?

Quali sono secondo voi le cose da fare per sopravvivere ad un viaggio on the road con la propria metà?

Liz

Liz

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno.
Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.
Liz

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers