Informazioni per chi viaggia

Viaggio tra le tradizioni natalizie del mondo…

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La temperatura scende sempre di più e io sto cominciando a non sopportarla. Se non piove ed esci ti congeli, se piove non esci proprio! Sta arrivando il natale e non so se l’avete notato ma ci sono sempre meno lucine in giro. Quando ero piccola e mia mamma mi portava a fare il classico giro per bancarelle ricordo che rimanevo abbagliata da tutte le luci che illuminavano le strade e la piazza stessa, ora invece si è persa questa tradizione. Ok è vero che c’è crisi e bisogna risparmiare e mettere le decorazioni in giro per la città forse è l’ultima cosa da fare, ma che mi dite dello spirito natalizio? Adesso i bambini dell’asilo già sanno che babbo natale non esiste, che natale è se nemmeno i bambini ci credono più?
Oggi vi propongo un viaggio per cui non serve prenotare nessun biglietto aereo o del treno, è un viaggio nei ricordi e nelle tradizioni.

IN AUSTRIA:
Il 24 dicembre tutti i negozi chiudono per permettere ad ognuno di passare la vigilia di natale in famiglia. L’Austria però è famosa soprattutto per i meravigliosi mercatini di Natale che espongono le cose più buone e più svariate.
In SPAGNA:
In Spagna chi porta i regali sono i tre magi che arrivano solo il 6 di gennaio, ma con il consumismo babbo natale ha deciso di fare una piccola tappa anche qui la notte di Natale.
IN OLANDA: 
In Olanda il Natale arriva con un po’ di anticipo, infatti non è Babbo Natale a portare i doni ai bambini ma San Nicola. Il 6 dicembre, quindi, il vescovo San Nicola, con il suo vestito rosso si reca dai più buoni per consegnare i regali, accompagnato dal suo paggetto di colore Zwarte Piet.
IN AUSTRALIA:
Qui il Natale lo si passa in spiaggia. Niente neve, niente cappotti, non c’è da stupirsi se Babbo Natale decidesse di presentarsi in bermuda su di una tavola da surf! In realtà questi sono i finti Babbi Natale, il vero Babbo Natale arriva vestito di tutto punto con la slitta e le renne anche con 40 gradi!
IN GIAPPONE:
Nonostante la comunità di cristiani in questo paese si riduca al’1% circa, il Natale viene festeggiato ugualmente spogliato però di tutte le tradizioni religiose che lo accompagnano. In Giappone è quindi solamente una festa consumistica, ma in che parte del mondo oggigiorno non lo è?
IN FINLANDIA:
La Finlandia è il paese di Babbo Natale, la sera i bambini si affacciano alle finestre per tentare di vedere la slitta capitanata da Rudolph, la renna preferita da Babbo Natale con un bel naso rosso brillante.
Tutti i bambini sanno che il nascondiglio di Babbo Natale si trova nel monte Korvaruturi ma nessuno è ancora riuscito ad individuarne l’entrata!

A me, comunque, piace ricordarlo come quando ero bambina: grasso, vestito di rosso, con una barba bianca come la neve, che avesse il potere di fare il giro delle case di tutti i bambini del mondo in una notte e che avesse sempre tempo per fermarsi a bere un bicchiere di latte e mangiare qualche biscotto che ognuno di noi gli aveva preparato.

Che ne dite, è o non è un viaggio low cost?

Liz

Liz

Liz

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno.
Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.
Liz

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers