il punto più occidentale del continente europeo: Cabo da Roca

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un’altra tappa in Portogallo è stata Cabo da Roca. Un autobus parte dalla stazione di Sintra e si inerpica su per le colline e le montagne portoghesi fino a raggiungere quest’altura. il punto più a ovest dell’Europa!
Non aspettatevi di trovare granchè, dopo 40 minuti di viaggio le uniche cose che troverete, costruite dall’uomo, sono un ufficio “del turismo” dove si può acquistare un attestato che certifica la tua presenza qui, un faro, ed un lastra in marmo che recita: “qui dove la terra finisce, inizia il mare. Punta più occidentale del continente Europeo”.  

Ed è vero! Ci si trova spiazzati davanti all’immensità dell’oceano che si apre di fronte. La roccia a strapiombo che toglie il respiro, un vento che non smette mai di soffiare. E ti sembra quasi di poter vedere in lontananza le caravelle di Colombo che andavano alla scoperta di un mondo nuovo. Pensare che la Statua della libertà dall’altra parte di quella distesa azzurra sta puntando il dito contro di noi. 
Direi che questa è assolutamente un tappa obbligatoria per chi va a visitare il Portogallo.
Durante il viaggio di ritorno verso Sintra, dove poi ci siamo fermati a mangiare quei dolcetti di cui vi ho parlato, con una miniguida stavo cercando di capire, insieme al mio ragazzo, come poter ordinare al supermercato 2 etti di prosciutto: tornati a casa bisognava andare a fare le spese per la sera!
C’era una signora seduta dietro di noi in autobus che sentendoci provare a pronunciare qualcosa in un portoghese moooolto maccheronico si è offerta di aiutarci. Parlava molto bene l’italiano e per tutta la durata del tragitto si è trasformata nella nostra insegnante, spiegandoci come si leggevano le parole con “s” o la “u” finale. 
Ad ogni modo arrivati al supermercato vicino al nostro appartamento, con orgoglio ho fatto sfoggio di ciò che avevo imparato: “pode-me dar duzentos gramas de fiambre por favor?”

Liz

Liz

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno.
Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.
Liz

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *