Blog di viaggi

Come trovare le idee per scrivere un blog di viaggi

trovare-idee-blogSembra un titolo stupido, però credo che chi scrive prima o poi si trovino ad affrontare il dramma del blocco dello scrittore, ed è devastante credetemi. Continui a guardare il foglio bianco e non riuscire a scriverci niente, oppure, alla peggio, tutto quello che scrivi ti fa talmente schifo che finisci per riempire il foglio di pastrocchi.

Scrivere un blog non è certo come scrivere un libro, non ho un editore alle spalle che mi minaccia se non pubblico ma, se si decide di aprire un blog – di viaggi o meno – la prima cosa con cui è necessario fare i conti è la costanza, e se iniziano a mancare le idee vi sfido a mantenerla la costanza. La seconda cosa con cui bisogna fare i conti è la qualità dei contenuti, magari riuscite ad essere costanti, ma se per farlo pubblicate contenuti scandenti è meglio se lasciate perdere.

PER TROVARE LE IDEE BISOGNA VIAGGIARE

Sembra scontato ma la prima cosa è viaggiare, altrimenti c’è poco da raccontare. Nel mio blog non troverete mai descrizioni o racconti di posti in cui non sono stata e che non ho vissuto in prima persona. Viaggiare riempie la vita di esperienze, di momenti irripetibili che, se ne sentite la necessità, vanno raccontati nel modo più naturale e sincero possibile, per una questione di onestà nei confronti dei vostri lettori. Lo devo a voi che mi leggete, e che riponete la vostra fiducia in me.

PER TROVARE LE IDEE CI VUOLE FANTASIA

Anche qui, sembra di dire una banalità, ma avere fantasia è parte del gioco. Non si può scrivere e basta, o scrivere tanto per scrivere, raccontare è un’arte e bisogna saper coinvolgere anche utilizzando un pizzico di fantasia nello stile. C’è chi è frizzante, chi riesce a far ridere, chi invece preferisce una scrittura un po’ più riflessiva, io mi adatto più che altro al tema che tratto. Capiterà il giorno in cui sarete fermi per un bel po’ di tempo, niente viaggi significa niente idee? Non necessariamente, date sfogo alla fantasia e state a vedere che succede, a me sbalordisce sempre!

SCRIVETE DI COSE CHE SAPETE

Per rimanere sulla linea di pensiero che si dovrebbe scrivere di esperienze personali, scavate nelle vostre competenze, tanto per farvi un’esempio la mia rubrica sulle compagnie aeree è nata grazie alla mia esperienza pluriennale in aeroporto. Con le compagnie ci ho lavorato, conosco regole e tipi di passeggeri, regole per i bagagli a mano, quindi perché non condividere informazioni utili, che per altro riguardano il viaggio? Magari tra di voi c’è un appassionato di lettura da viaggio e potrebbe creare una rubrica a riguardo no?

LEGGETE GLI ALTRI BLOGtrovare le idee

Non sto parlando di copiare, ma di ispirazione. Vi manca l’idea vincente? Avete già parlato di tutti i vostri viaggi e nel breve periodo non ne farete altri? Leggete! Leggete di chi ha fatto esperienze simili alle vostre, di chi magari ha affrontato lo stesso argomento ma da un altro punto di vista, vi darà modo di imparare cose nuove, di farsi un’idea delle esperienze di viaggio altri oltre che del modo di raccontarle. Spesso leggendo articoli di blog che apprezzo, il mio cervello fa un’associazione di idee per cui alla fine mi viene in mente qualcosa da scrivere e spesso e volentieri ne rimango stupida. Leggere aiuta a stimolare la creatività oltre che ad arricchire il proprio bagaglio culturale.

Trovare le idee per scrivere un blog, sia esso di viaggi o meno, non è sempre facile ma se vi capiterà di avere dei vuoti e di lasciare il foglio in bianco non demoralizzatevi, può succedere! Non demordete..

E voi, avete qualche altro suggerimento per trovare le idee? Fatemelo sapere!

 

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

14 commenti

  • Manuela

    BRAVA LIZ!
    allora… dico la mia:
    1. Bisogna viaggiare. Non si può pretendere di torvare nuove idee se i posti visitati sono sempre gli stessi. Brutto dirlo, ma è così… altrimenti si finisce per annoiare a morte il lettore.
    2. Bisogna essere fantasiosi e originali. Prendere spunto dagli altri – chi non l’ha fatto? – senza però scopiazzare. Le brutte copie non piacciono a nessuno.

  • TripVillage_Elisa

    Bell’articolo!! Come sempre molto interessante!!!
    Io ho aperto da poco il blog, devo ancora raccontare praticamente tutti i miei viaggi ma la cosa più’ difficile per me é proprio scrivere!! So che sembra brutto…vi chiederete “E perché hai aperto un blog allora??” il fatto é che non sono mai stata brava a scrivere, e sono un po’ una perfettina…quindi finché non mi piace almeno un pochino continuo a scrivere e cancellare!! Ma magari é solo l’inizio… spero!!!! 🙂

    • Liz Au

      Cara Elisa, non demoralizzarti anche io spesso cancello quello che scrivo, il voler ricercare la perfezione non è un difetto, anzi, basta che non vada a scapito delle emozioni. Continua così come stai facendo, vedrai che più avanti vai le cose miglioreranno 🙂 La prima passione deve rimanere quella per il viaggio e non penso te la toglierai tanto facilmente, quindi metà del lavoro è fatto!
      In bocca al lupo per tutto, io continuo a leggerti! 🙂

  • federchicca

    Quoto la costanza, la primissima cosa che serve per scrivere un blog di viaggi, o di qualsiasi altro genere. I primi tre anni del mio blog di viaggio ho scritto ogni giorno! Ogni giorno 🙂 Viaggire sì, sempre e tanto e in modo diverso. Leggere gli altri blog in questo caso serve fino a un certo punto, serve invece tanto leggere a mio avviso 🙂 però io dovrei migliorare leggendo gli altri blog di viaggi… piano piano ci arrivo!

  • valigiaepasseggino

    La mia prima regola, ovviamente oltre quella di viaggiare e trovare sempre posti ed esperienze nuove, è quella di leggere, leggere e leggere gli altri blog. Non per copiare, ma per imparare. Bisogna mettere da parte la presunzione e l’arroganza e rendersi conto che dagli altri c’è solo da imparare.

  • Annalisa (@viaggiovagando)

    Ciao Liz! Mi piace molto il tuo articolo. Non hai idea di quante volte ho avuto “il blocco dello scrittore” e non perché mi manchino le idee… anzi. Proprio perché non so da che parte iniziare e alla fine mi rimane il foglio bianco. Spesso mi capita di vedere posti meravigliosi e non trovare le parole adatte (e una volta nero su bianco penso “oddio che descrizione banale…”). Bisogna avere tempo, leggere molto anche per trovare nuove forme per dire le cose e avere tanta passione. E’ quello che sto provando a fare per il mio blog, cercando di essere costante anche quando il tempo è poco.
    Vorrei aggiungere una cosa. Secondo me non è PER FORZA necessario viaggiare: quando non si viaggia ci si può concentrare sulla propria città e scrivere di luoghi/ristoranti/eventi ecc che SOLO una persona del posto può conoscere. Seguo sempre il blog di una signora che non si sposta mai dalla provincia di Genova, eppure il suo sito è conosciutissimo e apprezzato, proprio perché ha trovato la sua nicchia, la sua particolarità: dar voce ai tesori nascosti di una città vista dagli abitanti stessi. Secondo me, quindi, non è necessario fare un viaggio a settimana per avere argomenti validi per un blog. Basta saper usare il materiale che si ha e renderlo accattivante 🙂

    • Liz Au

      Ciao Annalisa, preziosissimo il tuo commento, davvero.. hai ragione sul fatto di valorizzare la propria città, e anzi a questo proposito ti inviterei a partecipare all’iniziativa che io e MasterpieceTravel abbiamo lanciato qualche tempo fa, un articolo su un aspetto della tua città che pensi debba essere valorizzato, trovi qui tutit gli articoli scritti https://storify.com/LizAu87/lovemyland-1 🙂

  • Paola

    Vorrei aprire un blog di viaggi e letture, piccole scoperte invisibili ai più, ma che a me entusiasmano. Pensi che potrei trovare interesse in questi argomenti?
    Grazie Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.