Dove assaggiare la cucina araba a Berlino: Casalot

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tris di antipasti da Casalot

Berlino per me è la città delle “prime volte”. Primo viaggio da sola, primo volo da sola e prima volta per me anche per la cucina araba. Il ristorante Casalot, letteralmente “casa sicura” – come mi ha spiegato uno dei dipendenti – è un ristorante che offre una qualità ed una varietà di piatti decisamente alta e vasta.

Ho scoperto questo ristorante solo grazie all’amica che sono andata a trovare, e ne sono rimasta molto soddisfatta! Fin dalla prima occhiata il ristorante Casalot, appare ben curato nel dettaglio, i camerieri in giacca e cravatta, le tovaglie bianche, ogni tavolo ha una rosa ed una candela al centro. L’ospitalità è un must, il cliente deve sentirsi a casa e così mi son sentita! 

Il ristorante si divide in tre stanze principali, la sala con i tavoli, l’ingresso con un ampio bar e, un po’ nascosta, la Shisha Lounge, una sala dalle luci soffuse in cui, dopo cena, ci si può rilassare fumando il narguilè.

Le pareti sono ornate con dei mattoni a vista importanti direttamente dalla Palestina, il logo e le decorazioni dietro il bar sono fatte completamente a mano. Nella Shisha Lounge i tavolini a fianco ai divanetti son anch’essi fatti a mano, compreso l’ornamento al centro.

Premetto che di cucina araba ci capisco poco, per cui ho deciso di assaggiare di tutto un po’ giusto per farmi un’idea, facendomi consigliare da chi è del mestiere. Mi hanno proposto di prendere il Maza für zwei, un misto di antipasti sia vegetariani che con carne, al quale dovrebbe seguire un secondo piatto di carne, ma io non ce l’ho fatta!

Il prezzo di questo mix di antipasti per due persone – sarebbero in totale 9 ma io ne ho presi solo 7 – è di 22,90 euro, ma fidatevi che io da sola con un assaggio di sette ero già super piena!

bis di antipasti Casalot

Hommus: Crema di ceci e sesamo con succo di limone ed un pizzico di aglio.

Labaneh: insalata di pomodori essiccati, mix di spezie piccanti, aromi e basilico.

Tabouleh: insalata di prezzemolo con melograno, foglie di menta, pomodoro, limone e olio d’oliva.

Fattush: Insalata araba servita con menta fresca e pane arabo fatto in casa.

Hallumi: formaggio di capra alla piastra

Falafel: Polpette fritte di ceci, coriandolo fresco e spezie arabe.

Kubben bi Lahem: Polpette fritte di agnello, grano macinato, cipolla e olio d’oliva.

E lo yogurt, una meraviglia per il palato, soprattutto se abbinato a quest’ultimo piatto, come mi è stato consigliato di fare.

Ciò che distingue il ristorante Casalot è la qualità degli ingredienti, tutto è fresco e ogni piatto fatto a mano. Qui non esistono gli ingredienti surgelati. Il dolce al formaggio, servito con la frutta, è fatto da loro. Lo yogurt subisce un procedimento lungo e paziente, tanto che dopo ore di riposo si trasforma in formaggio, dal quale poi danno vita al dolce, ed è delizioso.

Quella araba è una cucina indubbiamente particolare, ricca di colori e di gusti speziati, e non credevo mi sarebbe piaciuta così tanto!

Se passate per Berlino e avete voglia di una serata diversa da birra, wurstel e crauti fate un salto da Casalot e poi fatemi sapere!

ATTENZIONE: il menù è solo in tedesco, quindi munitevi di dizionario!

Liz

Liz

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno.
Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.
Liz

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “Dove assaggiare la cucina araba a Berlino: Casalot

  1. Non puoi parlarmi di Berlino e di cucina araba!
    Doppio amore per me! 🙂
    Ho amato Berlino all’inverosimile e mi sono appassionata alla cucina araba dopo essere stata a Dubai. Ottimo l’Hommus 🙂

    1. Pensa che io l’ho assaggiato a Sydney e non mi era piaciuto..qui invece di! A Dubai ho un amico e stavo pensando di andarlo a trovare a novembre! Mi farò una cultura sulla città legge do i tuoi articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *