Portogallo

Lisbona: Marques de Pombal e 365 modi per mangiare il baccal

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lisbona è una città incantevole, costruita su sette colline, le sue calli sono un labirinto in cui perdersi è un’avventura imperdibile e suggestiva.

Sembra quasi di ritornare indietro nel tempo, l’atmosfera medievale è forte ma si mischia elegantemente con quella araba del quartiere di Alfama (al-hamma, in arabo che significa “bagni” , “fontane”) ricco dei così detti azulejos, cioè piastrelle di ceramica coloratissime.
Facendo scalo a Madrid da Venezia, siamo giunti con la compagnia Iberia, a Lisbona nel dicembre 2008. Arrivando di notte e non avendo idea di dove andare con i mezzi pubblici l’unica soluzione era prendere un taxi. Il personaggio che si è offerto di portarci a destinazione sembrava uscito da un film di paura: naso adunco, capelli lunghi castani che non credo avessero mai visto uno shampoo, occhi infossati…insomma non proprio il tassista dei nostri sogni.
Durante il tragitto ci fa da guida turistica della Lisbona notturna, e giunti a la Praça de Marques de Pombal facciamo conoscenza con questo illustre personaggio portoghese (a cui è stata dedicata la piazza con relativa statua), il quale ricostruì la città, dopo il terremoto del 1755, facendo conoscere ai portoghesi l’era illuminista.

Avevamo preso in affitto un appartamentino vicino a Estrada Benfica che ci permetteva di raggiungere il centro a piedi in circa 25 minuti. La passeggiata fino al centro era tutto un sali scendi, si giungeva alla via principale, passando a salutare il nostro marchese, la quale si apriva nella meravigliosa Praça do Comercio. 

Il capodanno a Lisbona è spettacolare, il ritrovo è appunto in questa piazza che si affaccia sul fiume. Si rimane sopraffatti dalla bellezza dei palazzi che ne segnano il perimetro e dai quali  vengono sparati i fuochi d’artificio a tempo di musica! Bisognerebbe avere cento occhi per riuscire a seguire la danza dei colori che inondano il cielo notturno dell’ultimo dell’anno…
Spicca sulla città il castello di Sao Jorge, maestoso ma sfortunatamente un po’ spoglio. Belli i lunghi cannoni nel cortile. Scendendo la collina per raggiungere la via principale, ci siamo imbattuti in una stradina nascosta, dal marciapiede medievale, con i panni stesi da un lato all’altro della strada e attorniata da casette d’altro tempo, una sorta di finestra nel passato.
Non mancate di salire sul tram 28, fa il giro della città toccando i suoi angoli più belli e inerpicandosi per le strade in salita. Il biglietto costa solo 1,50 euro e ne vale la pena!
Lisbona è famosa per il baccalà, che sfortunatamente la sottoscritta non ha assaggiato perchè non ne è amate, ma posso consigliarvi di assaggiare il porto, vino liquoroso tipico del portogallo, esiste sia bianco che nero…una meraviglia per il palato!

Liz

Liz

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno.
Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.
Liz

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ciao, io sono Elisa Pasqualetto, ma tutti ormai mi chiamano Liz. Sono nata a Venezia, anche se le voci dicono che non ci viva più nessuno. Nella vita lavoro freelance come Social Media Manager e Copywriter, mentre questo blog è solo una finestra sulla mia più grande passione: il viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers